RSS

Notizie

Black Friday Termodinamico 2019 -lunedì 11 novembre 2019
Black Friday sui acquisti multipli dei prodotti termodinamico TB 200E/TB 250E Energy Panel
Sfogliando le informazioni pubblicitarie relative alle varie tipologie di scalda acqua disponibili sul mercato ci siamo tutti interrogati sulla reale convenienza dei sistemi a pompa di calore rispetto ad un più economico scalda acqua a gas oppure ad un economicissimo scaldacqua elettrico. Una mera analisi dei costi dell’investimento iniziale porterebbe in maniera molto semplicistica alla conclusione che lo scalda acqua elettrico risulti la soluzione più conveniente di tutte. Effettuando una analisi più estesa che ne coinvolga anche i costi di esercizio (consumi) e che tenga conto degli sgravi fiscali oggi disponibili porta invece ad una netta inversione di questa classifica. Grazie ai ridotti costi di sevizio infatti uno scalda acqua in pompa di calore può ridurre il consumo energetico del 70% rispetto ad uno scaldabagno elettrico di pari capacità senza perdere nulla in termini di comfort da parte dell’utente. Ecco una carrellata delle tecnologie di scaldabagno disponibili sul mercato con i pro e i contro che ciascuna di esse presenta. Un vademecum pratico che vi consentirà di effettuare la volta scelta con una visione complessiva dell’argomento
0-CO2 DIVENTA DISTRIBUTORE dei climatizzatori in pompa di calore ad elevata efficienza e senza unità esterna prodotti da OLIMPIA SPLENDID. Olimpia Splendid è un’azienda italiana che dal 1956 si distingue nella progettazione, produzione e commercializzazione di prodotti per Climatizzazione, Riscaldamento, Trattamento dell’aria. L’azienda si distingue per il suo impegno nel creare prodotti innovativi, efficienti, rispettosi dell’ambiente e dall’inconfondibile design made in Italy. UNICO è il climatizzatore progettato e brevettato da Olimpia Splendid estremamente silenzioso, sottile e soprattutto a zero impatto architettonico poiché privo di UNITÀ ESTERNA. Grazie a quest’ultima caratteristica, UNICO è il condizionatore la cui installazione non necessita l’intervento di un frigorista prestandosi pertanto ad un’installazione “fai da te”
Bando della Regione Lombardia a supporto dello Storage per il fotovoltaico 2019 che metterà a disposizione 4,4 milioni di euro.
La pompa tecnologia delle pompe di calore è evoluta molto negli ultimi anni ed è ora matura per l’impiego nel riscaldamento di TUTTE le abitazioni, indipendentemente dal fatto che siano esse riscaldate con impianti ad alta temperatura (termosifoni, radiatori, ventilconvettori) oppure a bassa temperatura (pavimento radiante, panelli radianti). Grazie al loro coefficiente di prestazione elevato (COP) le Pompe di Calore possono dare un contributo significativo all'abbassamento dei costi per il riscaldamento invernale di ogni abitazione ed al contempo contribuire in maniera massiccia alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera.
Il fenomeno della stagnazione è una problematica ricorrente negli impianti solari termici. Il fenomeno può essere originato da diverse cause: un basso oppure nessun consumo di acqua calda (es. vacanze), un eccessivo sovradimensionamento della superficie assorbente, l’arresto della pompa di circolazione solare (blackout elettrico). Nel corso degli anni sono state sviluppate diverse tecnologie per contrastare tale fenomeno. Ecco una carrellata delle tecnologie che 0-CO2 mette a disposizione dell’utente per contrastare ed in alcuni casi addirittura eliminare questo annoso problema. Le soluzioni proposte possono essere applicate sia nella fase di progettazione di nuove installazioni, che come “Retrofit” su impianti esistenti
I sistemi di accumulo in batteria per impianti solari fotovoltaici ESS (Energy Storage Systems) vengono pubblicizzati come una rivoluzione energetica, un cambio di strategia nel settore del risparmio energetico da fonti energetiche rinnovabili, o semplicemente come un modo per gli utenti finali di ridurre il peso delle loro bollette energetiche. In paesi come l'Italia ci sono notevoli incentivi per chi vuole conservare ed auto-consumare l'energia solare in maniera autarchica, poiché la tariffa di Scambio Sul Posto (SSP) si attesta indicativamente intorno agli 0,132 Euro/kWh, mentre il costo per l'acquisto di energia elettrica è in media di 0,28-0,22 Euro/kWh in progressivo aumento. Questo differenziale di valore tra il costo pagato per l’acquisto dell’energia e quello corrisposto dal GSE per lo Scambio Sul Posto, è diventato una forza trainante e un grande incentivo per accumulare l'energia solare piuttosto che immetterla nella rete elettrica per poi prelevarla nel momento del bisogno
Econanosil è una nuova linea di rivestimenti ecologici proveniente dalla ricerca nanotecnologica in grado di garantire alte prestazioni con un rivestimento millimetrico e senza inquinare perché a base d’acqua e con basso contenuto di composti organici volatili (detti comunemente in lingua inglese VOC). Grazie alla presenza della nanomolecola brevettata, i prodotti nanocompositi della linea Econanosil rappresentano i migliori prodotti in materia di isolamento termico domestico ed industriale. Una gamma di prodotti contro le dispersioni termiche e la formazione di muffe in grado di dare una risposta specifica per ogni esigenza
Qualche piccolo consiglio pratico per il dimensionamento, la scelta e l’installazione di un Impianto Solare Termodinamico Thermoboil per la produzione di sola Acqua Calda Sanitaria (ACS). Vediamo in pochi e semplici passi come valutare la taglia più congeniale in base alle Tue esigenze, come fare a scegliere dove posizionare i componenti che quale Schema di Integrazione adottare. Una guida che vi permetterà di selezionare ed installare in maniera semplice, veloce e senza sorprese il Vostro Futuro Sistema Solare Termodinamico THERMOBOIL
Qualche piccolo consiglio pratico per il dimensionamento di un Impianto Solare Termico per la produzione di sola Acqua Calda Sanitaria (ACS). Vediamo in pochi e semplici passi come calcolare il Tuo Fabbisogno di ACS, il Grado di Copertura ottimale, la Superficie Solare necessaria e lo Schema di Integrazione più adatto per le Tue esigenze. Una guida che vi permetterà di selezionare più facilmente la taglia del Vostro Futuro Impianto Solare
Un collettore solare trasforma la radiazione solare in calore contraddiguendosi così da un pannello fotovoltaico, che trasforma la luce del sole in corrente elettrica. I Collettori Solari Termici si dividono in due categorie principali: i collettorei piani e quelli a tubi sottovuoto. Proviamo ad analizzare quali sono le loro caratteristiche principali e quando è meglio scegliere una o l’altra tecnologia
I Collettori Solari ad Alta Efficienza FKA racchiudono oltre 20 anni di esperienza in termini di continua ricerca e sviluppo. La produzione industriale TEDESCA assicura i criteri di qualità estremamente elevata dei collettori. Il cuore del collettore solare è l'Assorbitore tipo “FULL PLATE” con Rivestimento Sottovuoto Altamente Selettivo che permette il raggiungimento di temperature elevate anche in condizioni di scarso irraggiamento (condizioni comuni in Europa)
Sia che tu abbia già scelto, sia che tu stia ancora valutando se installare o meno un sistema di storage sul tuo impianto fotovoltaico, In tutti i casi ricorda una cosa fondamentale: la grandezza (e ovviamente il tipo) del pacco batterie è un elemento fondamentale per ottenere i risultati che cerchi, e deve essere dimensionato correttamente in funzione a come e quando viene utilizzata l’energia in casa tua
Con il D.g.r. n. X/4769 la Regione Lombardia ha approvato il 28 gennaio la delibera con la quale destina 3 Milioni di Euro alle “Misure di incentivazione per la diffusione dei sistemi di accumulo di energia elettrica da impianti fotovoltaici e di sistemi di ricarica domestica per veicoli elettrici”. All’interno di tale delibera è stato stanziato un contributo a fondo perduto fino a 2 Milioni di Euro per i sistemi di accumuli fotovoltaici per impianti fotovoltaici fino a 20 kW e di 1 Milione di Euro per punti di ricarica privati per veicoli elettrici
L’Agenzia delle Entrate ha risposto alla redazione di QualEnergia in merito alla richiesta di poter richiedere la detrazione fiscale al 50% anche per i sistemi di accumulo in storage sia che l'accumulo venga installato contestualmente che successivamente alla realizzazione dell’impianto Fotovoltaico. L’indicazione porta finalmente chiarezza sull’applicazione dell’agevolazione fiscale ai sistemi di accumulo, sistemi utili ad incrementare l’autoconsumo delle utenze ed il risparmio energetico. Tale agevolazione fiscale viene pertanto riconosciuta sia che il dispositivo di Storage venga installato contestualmente all’impianto Fotovoltaico sia che venga installato in un secondo momento in abbinamento ad un impianto fotovoltaico già esistente (retrofit).